SALVA-GENTE … aiuto il Sud annega!

0

annegareD’accordo finalmente il decreto SALVA-SUD .
Forse non abbiamo ricevuto bene tutte le informazioni sui dettagli. Forse non l’ho capito io perché un po’ stupido o forse non si capisce un cavolo apposta.

La Camera ha approvato il decreto Sud e pure licenziato dal Senato. E’ legge.! Nessuna modifica!

Dentro, tante belle idee, tanti punti, tanta sagacia nell’individuare i punti critici( alcuni) del territorio del Mezzogiorno. Ad esempio la misura di “Resto al Sud” , una bellissima locuzione propagandistica qualora fosse vero.

Il salvataggio degli operatori di servizio bus di Flix-bus e poi, ciò che colpisce, è il provvedimento corrispondente al finanziamento per giovani imprenditori under 35 di 1250 milioni. Ancora, forse, 200 milioni di euro per le Zone Economiche Speciali (Zes) e 40 milioni di euro per favorire le politiche attive del lavoro nel Mezzogiorno.

Tutto per: “raggiungere l’obiettivo di favorire il superamento del divario economico e sociale delle regioni del Mezzogiorno rispetto alle altre aree del Paese”.

Se è quello che è stato spacciato per la soluzione migliore per colpire l’obiettivo di cui sopra, allora è fantozianamente “una cacata pazzesca”.

Perché la frase di Gentiloni dice chiaramente “ superamento” e non “riduzione” del divario tra Sud e altre regioni di Italia.

Se si considerano 9 le Regioni del Sud ( o solo 8 o 10 la cosa non cambia) bisognerebbe dare a ciascuna per le sole infrastrutture e opere per la Sanità, Servizi, Università, Scuola, Ricerca, Sicurezza eccetera almeno 100 miliardi per Regione. Una cifra vicino ai 1000 miliardi. Non sto dando i numeri.

Si possono fare stocastici paragoni da portare ad esempio. Solo per Roma tra il 2008 e il 2014, il noto “decreto Roma “ gli italiani si sono tassati per 25 miliardi, debito e crediti della gestione Alemanno- Marino e un pizzico di Raggi.

Roma è nel Lazio che ha altre 4 capoluoghi di provincia. Dunque 5cittàX25 miliardi = 100 miliardi=regione.

E’ un decreto tampone che a capirla bene pare sia a stento corrispondente ad una spesa di meno di una decina di miliardi ( posso sbagliarmi ma da alcun giornale o Gazzetta o specifico quotidiano economico sono raccontate cifre diverse). Ossia meno di quanto si è speso per salvare le banche venete e popolari ma soprattutto i 6,5 miliardi dati al Monte Paschi Siena.

Tutto il Sud non vale quanto una bancarella della Toscana.
… e la gente intanto affoga nella fame!

di Bruno Pappalardo

Comments are closed.