Per una sinistra unita e… anche meridionalista, il Partito del Sud aderisce all’appello di Falcone e Montanari

0
annafalconeIl Partito del Sud – Meridionalisti Progressisti, ha accettato la sfida dell’appello lanciato da Anna Falcone e Tommaso Montanari e  ha deciso di partecipare attivamente con una sua delegazione all’”Assemblea Nazionale – per la democrazia e l’eguaglianza” che si terrà il 18 giugno a Roma presso il teatro Brancaccio a partire dalle ore 9.
“Siamo da sempre convinti che la chiave di volta per l’Italia sia l’applicazione completa e capillare della nostra Carta Costituzionale, soprattutto nella sua parte dedicata ai “principi” e con una fortissima attenzione all’articolo 3, abbiamo partecipato attivamente – dicono dal Partito del Sud – meridionalisti progressisti – ai Comitati Nazionale per il “NO” del referendum del 4 dicembre, realizzando numerose iniziative territoriali, e vedendo in questa iniziativa di Anna e Tommaso la normale prosecuzione di un percorso verso un Paese più equo e più giusto. 
 
“Se pensiamo che l’appello del 18 giugno è finalizzato a creare un movimento di popolo che crei un programma attento “alla parte più fragile di questo Paese, ai giovani e meno giovani, a coloro che hanno subito pesantemente la crisi, a chi è scivolato nella fascia del bisogno, della precarietà, della mancanza di futuro e di prospettive” e se ci aggiungiamo – continuano – che, quasi sempre, le persone e le fasce deboli del Paese sono ancora più deboli nelle aree geograficamente più disagiate, allora non possiamo che essere con Anna e Tommaso”.
 
Siamo con loro e con tutti coloro che ci “staranno” perché riteniamo che le finalità del meridionalismo progressista e i suoi ideali, da Gramsci, a Dorso, a Salvemini non possono non essere nel DNA di questo nuovo che camminoche andremo, speriamo, a intraprendere domenica. Siamo certi che, se affrontata, la “questione meridionale” diventi un’opportunità per tutto il Paese e che il sud possa essere uno degli attori della ripresa e della giustizia sociale che vorremo attuare.
Anche noi non crediamo alla combinazione di sigle, né alla riproposizione di leader dall’alto, ma ad un processo di partecipazione ampio e soprattutto in un ritorno attivo tra la gente”.
Il documento diffuso nelle giornate tra mercoledì e giovedì è firmato dai vertici del partito meridionalista e progressista: Natale Cuccurese Presidente Nazionale del Partito del Sud – Meridionalisti Progressisti;
Andrea Balìa e Michele Dell’Edera Vicepresidenti Nazionali del Partito del Sud – Meridionalisti Progressisti;
Enzo Riccio Segretario Organizzativo Nazionale del Partito del Sud – Meridionalisti Progressisti

Comments are closed.