il Consiglio Regionale Pugliese approva la richiesta di referendum #NoTriv

0

trivelleadriaticoE’ lo stesso presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ad annunciare  con soddisfazione la delibera di Consiglio Regionale a favore della richiesta di referendum contro la norma Sblocca Italia rispetto al tema delle trivellazione in mare. Ecco le parole del preidente Emiliano:

“È una giornata felice oggi per i pugliesi e per il nostro Consiglio regionale. Abbiamo appena approvato in aula, all’unanimità, la delibera con la quale faremo ricorso al referendum contro le norme dello Sblocca Italia che consentono le trivellazioni nel nostro mare Adriatico e Ionio. Insieme alla Puglia stanno votando altre otto regioni italiane.

Credo sia la prima volta che si realizza una simile unità di intenti, che non nasce in polemica col governo, ma in una dialettica determinata dalla normale applicazione delle norme. Non abbiamo impugnato l’insieme dello Sblocca Italia, ma solo quella parte che facilita le ricerche di idrocarburi.

Non ho mai visto una popolazione minuta arricchirsi grazie al petrolio, di solito ne traggono vantaggio solo le multinazionali non lasciando nulla sul territorio se non inquinamento. Oggi si diventa “ricchi”, nel senso che si vive in equilibrio, se si tutelano la propria identità e la bellezza del territorio, se si attraggono investimenti legati ad attività non impattanti. In una regione come la nostra, che il National Geographic ha definito la più bella del mondo, è chiaro che piazzare piattaforme petrolifere davanti a San Nicola, alle spiagge del Salento o nel golfo di Taranto, non crea affatto ricchezza, ma solo smarrimento e distacco dalle istituzioni.
Oggi abbiamo dato vita ad un evento politico molto importante che ha come obiettivo la tutela della nostra terra ma anche la ricostruzione di un rapporto di fiducia con i cittadini.”

Comments are closed.